Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Unofficial translation to English from the Italian found on Archbishop Viganò‘s Official Channel, Italian original at video link and following the English:
[Rumble original Italian: “Messaggio ai partecipanti della manifestazione del 15 Gennaio a Roma, Archbishop Carlo Maria Viganò — Official Published January 16, 2022https://rumble.com/vsq4q2-messaggio-ai-partecipanti-della-manifestazione-del-15-gennaio-a-roma.html ]

“Archbishop Viganò Message to the Participants in the January 15th Protest in Rome, As published January 16, 2022

Praised be Jesus Christ.

Dear brothers and sisters, allow me to address all of you as a Pastor who above all has the salvation of souls at heart. My words are for each of you: for those who have the grace to be a Christian and for those who are still far from God; for those who have understood the spiritual dimension of this battle and for those who believe that it is only an attack on civil liberties; for those who are aware of the Anti-Christ origin (orig.=“della matrice anticristica”) of what is happening and for those who are exasperated by the absurd restrictions imposed by the governments enslaved by the Great Reset.

Your protest unites with that of millions of other people. A courageous protest that starts from the sharing of some fundamental principles such as the right to natural freedoms, to the conscious choice of treatments and to respect for one’s own convictions in health and civil matters. If you can demonstrate firmly and peacefully to defend your inalienable rights, this day can be remembered when all this is over. I therefore urge you not to give in to the provocations of those who wait only to repress your dissent by force.

This battle cannot and must not be exhausted in a demand for rights and freedom, apart from Truth and Justice. As I have already said on other occasions, freedom is such only if it is accomplished within the limits of the Good. Those who discriminate against you today, those who prevent you from working, going to school, traveling and entering restaurants and shops are the same people who have been telling you for decades that you are “free” to offend God, to break His Commandments, to divorce, to kill children in the womb, the elderly and the sick in hospital beds; that you are “free” to decide when to live and when to die, to decide what is right and what is wrong; that you can deny your past, your Christian civilization, your identity as Catholics and as Italians. But all this corresponds to the ideology of death, sin and vice that inspires their actions.

But this is not freedom! The freedom to which you must aspire, dear brothers and sisters, is founded on Our Lord Jesus Christ, who said: “The truth will make you free” (Jn 8:32), referring to Himself as the “Way, Truth and Life” (Jn 14, 6).

Return to God! Make him reign first of all in your hearts, keeping you in his grace through prayer and the sacraments. Make him reign in your families, where the fidelity of the spouses, the education of children, the care of the elderly and the weak constitute a formidable defense against those who want to destroy the social fabric. Make him reign in civil society, conforming the laws of the State to the Law of God, starting with respect for the sacredness of life and the common good. Make him reign in the courtrooms, in the school, in the university, in the workplace, in the hospital wards.

If you believe that you can free yourselves from the chains of this tyranny with your own strength, you are wrong: because it is precisely in putting the Lord aside that you condemn yourselves to the failure of your every action, even laudable. Instead, have the courage to proudly claim your identity, to bear witness to your Faith, to assert your rights as Christians.

And above all, dear brothers and sisters, have the courage to place yourselves under the protection of Jesus Christ: “I have overcome the world” (Jn 16:33), the Lord said. If your spiritual battle will be under the banner of Christ the King, victory is certain, and the servants of this infernal dictatorship will retreat, because Satan cannot conquer the One who by His Sacrifice has destroyed his power, and She who by divine decree will crush his head.

Please, I implore you: huddle under the Cross of Christ, and place yourselves all under the mantle of the Most Holy Virgin. It will not be the Constitution or the Declaration of Human Rights that will save you, but the Faith. That Faith which made Europe great, which built Christian civilization, which made the arts and sciences flourish. That Faith that leads us to reach out to the poor, to give comfort to the sick and the dying, to strengthen in Charity those bonds of brotherhood that today we see destroyed and denied by an ideology that admits everything, tolerates everything, except the Good.

I also appeal to those who are beginning to recognize the deceptions and lies that we have been denouncing for two years: have a jolt of self-respect, a movement of honesty and honor! You doctors and paramedics, do not remain silent in the face of what is happening in hospitals, in violation of the oath you have taken. You magistrates and law enforcement officers, do not become accomplices of traitors and corrupt people who obey the globalist oligarchy to destroy the nation and enslave the citizens. You politicians and representatives of institutions, denounce the interference of powers that no one has elected and that conspire against the people. You journalists, defend the truth and do not connive with a power founded on lies and crime. You shopkeepers, restaurateurs, merchants: open your businesses and your shops and stop indulging the delirium of an authority that legitimizes itself only with the use of force and intimidation. And you priests, parish priests and bishops, always ready to welcome immigrants and illegal immigrants: remember that the Lord has ordered to love our neighbor, that is, the one who is closest to us; do not go along with the pandemic narrative, do not close your churches to the faithful, and above all remember that it is Our Lord Jesus Christ who saves, not an experimental serum produced with aborted fetuses!

Each of you, today, in this square and throughout Italy, find that humanity that has been compromised by these months of collective madness. Stop the discrimination, and with it the odious marginalization of the healthy, the ghettoization of dissenters, the criminalization of those who until yesterday were our brother and who today find themselves deprived of work and of the means of subsistence. Let’s get out of this delirium, in the name of God!

When the authority conspires against the nation and abuses its power against the citizens, civil disobedience and conscientious objection are a must. Your children will thank you for what you do, provided that your action is enlightened by Faith and inflamed by Charity. If you just want to go back to being free to offend God and break his Law, you will never get out of this hellish dystopia.

When we ask the Lord “give us today our daily bread”, before these material requests we say: “your kingdom come, your will be done”. Because only where Christ reigns is there justice, peace, harmony, prosperity.

This is why I invite you all to recite together, with faith and with filial trust in God’s help, the prayer that the Lord has taught us: Our Father …

+ Carlo Maria Viganò, Archbishop”

Italian original:
Messaggio ai partecipanti della manifestazione del 15 Gennaio a Roma, Archbishop Carlo Maria Viganò — Official Published January 16, 2022https://rumble.com/vsq4q2-messaggio-ai-partecipanti-della-manifestazione-del-15-gennaio-a-roma.html
January 15, 2022 Rumble —

Sia lodato Gesù Cristo.

Cari fratelli e sorelle, permettetemi di rivolgermi a voi tutti come Pastore che ha a cuore anzitutto la salvezza delle anime. Le mie parole sono per ciascuno di voi: per chi ha la grazia di essere Cristiano e per chi ancora è lontano da Dio; per chi ha compreso la dimensione spirituale di questa battaglia e per chi crede che si tratti solo di un attentato alle libertà civili; per chi è consapevole della matrice anticristica di quanto avviene e per chi è esasperato dalle assurde restrizioni imposte dai governi asserviti al Great Reset.

La vostra protesta si unisce a quella di milioni di altre persone. Una protesta coraggiosa che parte dalla condivisione di alcuni principi fondamentali quali il diritto alle libertà naturali, alla scelta consapevole delle cure e al rispetto delle proprie convinzioni in materia sanitaria e civile. Se saprete manifestare con fermezza e pacificamente per difendere i vostri diritti inalienabili, questo giorno potrà essere ricordato quando tutto questo sarà finito. Vi esorto quindi a non cedere alle provocazioni di chi non aspetta che di reprimere il vostro dissenso con la forza.

Questa battaglia non può e non deve esaurirsi in una rivendicazione di diritti e di libertà, prescindendo dalla Verità e dalla Giustizia. Come ho già detto in altre occasioni, la libertà è tale solo se si compie nei limiti del Bene. Chi oggi vi discrimina, chi vi impedisce di lavorare, di andare a scuola, di viaggiare e di entrare nei ristoranti e nei negozi è lo stesso che vi dice da decenni che siete “liberi” di offendere Dio, di infrangere i Suoi Comandamenti, di divorziare, di uccidere i bambini nel ventre materno, gli anziani e i malati nel letto d’ospedale; che siete “liberi” di decidere quando vivere e quando morire, di stabilire cosa è giusto e cosa è sbagliato; che potete rinnegare il vostro passato, la civiltà cristiana, la vostra identità di Cattolici e di Italiani. Purché tutto questo risponda all’ideologia di morte, di peccato e di vizio che ispira il loro agire.

Ma questa non è libertà! La libertà a cui dovete aspirare, cari fratelli e sorelle, si fonda in Nostro Signore Gesù Cristo, che ha detto: «La verità vi farà liberi» (Gv 8, 32), riferendosi a Sé stesso, «Via, Verità e Vita» (Gv 14, 6).

Ritornate a Dio! FateLo regnare anzitutto nei vostri cuori, conservandovi nella Sua grazia tramite la preghiera e i Sacramenti. FateLo regnare nelle vostre famiglie, dove la fedeltà degli sposi, l’educazione dei figli, la cura degli anziani e dei deboli costituisce una difesa formidabile contro chi vuole distruggere il tessuto sociale. FateLo regnare nella società civile, conformando le leggi dello Stato alla Legge di Dio, ad iniziare dal rispetto della sacralità della vita e del bene comune. FateLo regnare nelle aule dei tribunali, nella scuola, nell’università, nel posto di lavoro, nelle corsie degli ospedali.

Se credete di potervi liberare dalle catene di questa tirannide con le vostre sole forze, vi sbagliate: perché è proprio nel mettere da parte il Signore che vi condannate al fallimento di ogni vostra azione, anche lodevole. Abbiate invece il coraggio di rivendicare con fierezza la vostra identità, di testimoniare la vostra Fede, di far valere i vostri diritti di Cristiani. E soprattutto, cari fratelli e sorelle, abbiate il coraggio di porvi sotto la protezione di Gesù Cristo: «Io ho vinto il mondo» (Gv 16, 33), ha detto il Signore. Se la vostra battaglia spirituale sarà sotto le insegne di Cristo Re, la vittoria è sicura, e i servi di questa dittatura infernale si ritireranno, perché Satana non può vincere Colui che con il Suo Sacrificio ha distrutto il suo potere, e Colei che per decreto divino gli schiaccerà il capo.

Vi prego, vi imploro: stringetevi sotto la Croce di Cristo, e ponetevi tutti sotto il manto della Vergine Santissima. Non sarà la Costituzione, né la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo a salvarvi, ma la Fede. Quella Fede che ha reso grande l’Europa, che ha edificato la civiltà cristiana, che ha fatto fiorire le arti e le scienze. Quella Fede che ci porta a tendere la mano al povero, a dare conforto al malato e al moribondo, a rinsaldare nella Carità quei vincoli di fratellanza che oggi vediamo distrutti e negati da un’ideologia che tutto ammette, tutto tollera, fuorché il Bene.

Rivolgo un appello anche a chi inizia a riconoscere gli inganni e le menzogne che da due anni denunciamo: abbiate un sussulto di orgoglio, un moto di onestà e di onore! Voi medici e paramedici, non rimanete in silenzio dinanzi a quanto accade negli ospedali, in violazione al giuramento che avete prestato. Voi magistrati e forze dell’ordine, non rendetevi complici di traditori e corrotti che obbediscono all’oligarchia globalista per distruggere la Nazione e rendere schiavi i cittadini. Voi politici e rappresentanti delle istituzioni, denunciate le intromissioni di poteri che nessuno ha eletto e che cospirano contro i popoli. Voi giornalisti, difendete la verità e non siate conniventi con un potere che si fonda sulla menzogna e sul crimine. Voi negozianti, ristoratori, esercenti: aprite i vostri negozi e le vostre botteghe e smettetela di assecondare il delirio di un’autorità che si legittima solo con l’uso della forza e dell’intimidazione. E voi sacerdoti, parroci e Vescovi, sempre pronti ad accogliere immigrati e clandestini: ricordatevi che il Signore ha ordinato di amare il nostro prossimo, ossia colui che ci è più vicino: non assecondate la narrazione pandemica, non chiudete le vostre chiese ai fedeli, e soprattutto ricordatevi che è Nostro Signore Gesù Cristo che salva, non un siero sperimentale prodotto con feti abortivi!

Ciascuno di voi, oggi, in questa piazza e in tutta Italia, ritrovi quell’umanità che è stata compromessa da questi mesi di follia collettiva. Cessino le discriminazioni, e con esse l’odiosa emarginazione dei sani, la ghettizzazione dei dissenzienti, la criminalizzazione di chi fino a ieri era nostro fratello e che oggi si trova privato del lavoro e dei mezzi di sussistenza. Usciamo da questo delirio, nel nome di Dio!

Quando l’autorità cospira contro la Nazione e abusa del proprio potere contro i cittadini, la disobbedienza civile e l’obiezione di coscienza sono doverose. I vostri figli vi ringrazieranno per quanto fate, a condizione che la vostra azione sia illuminata dalla Fede e infiammata dalla Carità. Se volete solo tornare ad essere liberi di offendere Dio e di infrangere la Sua Legge, non uscirete mai da questa infernale distopia.

Quando chiediamo al Signore «dacci oggi il nostro pane quotidiano», prima di queste richieste materiali diciamo: «venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà». Perché solo dove Cristo regna vi è la giustizia, la pace, la concordia, la prosperità.

Ecco perché vi invito a recitare tutti insieme, con Fede e con filiale fiducia nell’aiuto di Dio, la preghiera che il Signore ci ha insegnato: Padre nostro…

+ Carlo Maria Viganò, Arcivescovo
15 Gennaio 2022
https://rumble.com/vsq4q2-messaggio-ai-partecipanti-della-manifestazione-del-15-gennaio-a-roma.html

NB: Archbishop Carlo Maria Viganò‘s Official Rumble Channel seems to be the only official source of his messages, and the best way to be certain you get his true message.